SIAMHOUSE HOTEL PATTAYA

HAVE AVAILABLE ROOMS FOR NOVEMBER ------ WEB PAGE FACEBOOK

domenica 20 marzo 2016

FullMoonParty 23feb16 ClubInsomnia IBar Walking Street Pattaya





IL TEMPIO DELLA VERITA' (Sanctuary of Truth) Pattaya




On the waterfront of Rachvate Cape Pattaya (Na Klua), there is a gigantic, newly built wooden building called the Sanctuary of Truth.
A universe of symbols carved in wood represent balance and harmony in the sanctuary of Truth, on the bay of Pattaya. The tranquility reigns supreme among spiers, angels, gods and animals, while dozens of artists, calmly, continue to sculpt the 105 meters high of the structure every day. They have been working in the sanctuary for twenty-four years. They come from Laos, from Vietnam, from Cambodia. Their work will never end, they explain, because the temple of Truth has been conceived as an endless work of art: it is a sanctuary that will never stop being built. And not only for philosophical and religious reasons, but also to continue to give work to the people: it is a superb construction but, they explain in the temple "was created not out of arrogance, but for the goodness that comes from religion, philosophy and art ". At this moment, they explain, there are about three hundred people involved in the work.
They proceed calmly in the hundred meters of length of the structure, they enjoy the time of their task: to carve every centimeter - the temple is entirely built in wood - drawing with art the oriental religious and philosophical truths. This was the idea of ​​the billionaire Thail Khun Lek Viriyaphan who conceived it: every point must be worked. A will that continues today that he is no more: his family has never ceased to call generations of carvers not only from Thailand but also from neighboring countries.
As we enter the sanctuary of truth, a young Thai with a safety helmet on her head defines the eye of a statue. Calmly. A hundred-meter-long wooden staircase is open to the center of the temple, to sculpt up there, under the roof. They work everywhere: on the steps, on the spiers, on the walls, on the columns, on the doors, inside and outside. Each carved image is deeply symbolic. Inside the temple, the genius of the artists worked on seven creative elements - heaven, earth, Father, Mother, moon, sun and stars - on the outside, on the other hand, out of four: religion, life, immortal philosophy, peace.
Represented, on the spiers through wooden statues: the first with a lotus flower, the second with the ages of life, the third with a book, the fourth with a pigeon perched on the hand, symbol of peace. At the highest point, on the central spire, is the symbol of Phra Sir Ariyamethai, the fifth Buddha of the Bhadhra era. The choice is entirely philosophical - religious: the temple of truth wants to be a place where people can gather to recognize the seven creators and the four elements that will lead to the ideal world. In a path both individual and collective. But what are the steps to take to get to the ideal world? First of all, the war between good and evil, represented with the stories of Mahabharta and Ramayana in the end, explain "to contribute to the struggle against personal desires and lust". And here the Sanctuary of the Truth becomes all an unwinding of Buddhist stories and Hindu traditions. On the pediment, the wisdom that defeats ignorance; in the sculptures of the front side, the love of parents towards their children "that is bigger than an ocean". And then again: statues that tell episodes of Krishnavatar, the eighth reincarnation of Vishnu and the Bhagavatgita, one of the most famous texts of Hinduism. Other sculptures still represent the sun (honor and social status), Mars (courage and industry), Mercury (sweetness), Jupiter (wisdom), Venus (wealth), Saturn (unhappiness and the suffering). And then the four elements. Everything to meditate on the great questions of heaven and earth and on the different philosophical and religious paths that lead to them.
The sanctuary of Truth is open every day from 8 am to 5 pm. The ticket costs 500 baht and includes, in addition to the guided tour, also shows dolphins in the bay (twice a day) and demonstrations on woodworking



Sul lungomare di Rachvate Cape Pattaya (Na Klua), si trova una gigantesca costruzione in legno di recente costruzione chiamata Santuario della Verita’.
Un universo di simboli intagliati nel legno rappresentano l'equilibrio e l'armonia nel santuario della Verità, sulla baia di Pattaya. La tranquillità regna sovrana tra guglie, angeli, dei e animali, mentre decine di artisti, con calma, ogni giorno continuano a scolpire i 105 metri di altezza della struttura. Lavorano nel santuario da ventiquattro anni. Arrivano dal Laos, dal Vietnam, dalla Cambogia. Il loro lavoro non finirà mai, spiegano, perché il tempio della Verità è stato concepito come un'opera d'arte senza fine: è un santuario che non smetterà mai di essere costruito. E non solo per ragioni filosofiche e religiose, ma anche per continuare a dare lavoro alla gente: è una costruzione superba ma, spiegano nel tempio "è stata creata non per arroganza, ma per la bontà che nasce dalla religione, dalla filosofia e dall'arte" . In questo momento, spiegano, sono circa trecento le persone impegnate nei lavori.
Procedono con calma nei cento metri di lunghezza della struttura, si godono il tempo del loro compito: intagliare ogni centimetro - il tempio è interamente costruito in legno - disegnando con l'arte le verità religiose e filosofiche orientali. Questa era l'idea del miliardario Thail Khun Lek Viriyaphan che lo concepì: ogni punto deve essere lavorato. Una volontà che continua anche oggi che lui non c'è più: la sua famiglia infatti non ha mai smesso di chiamare generazioni di intagliatori non solo dalla Thailandia ma anche dai Paesi vicini.
Mentre entriamo nel santuario della verità, una giovane thailandese, con elmetto di sicurezza in testa, definisce l'occhio di una statua. Con calma. Una scala di legno lunga un centinaio di metri è aperta al centro del tempio, per arrivare a scolpire fin lassù in cima, sotto il tetto. Lavorano in ogni luogo: nell'alzata dei gradini, sulle guglie, sulle pareti, sulle colonne, sulle porte, all'interno e all'esterno. Ogni immagine intagliata è profondamente simbolica. All'interno del tempio, il genio degli artisti ha lavorato su sette elementi creatori - cielo, terra, Padre, Madre, luna, sole e stelle - all'esterno, invece, su quattro: la religione, la vita, la filosofia immortale, la pace.
Rappresentati, sulle guglie attraverso statue in legno: la prima con un fiore di loto, la seconda con le età della vita, la terza con un libro, la quarta con un piccione appollaiato sulla mano, simbolo di pace. Nel punto più alto, sulla guglia centrale, c'è il simbolo di Phra Sir Ariyamethai, il Buddha quinto dell'era Bhadhra. La scelta è tutta filosofico - religiosa: il tempio della verità vuole essere infatti un luogo dove la gente possa riunirsi per riconoscere i sette creatori e i quattro elementi che porteranno al mondo ideale. In un percorso sia individuale che collettivo.Ma quali sono i passi da compiere per arrivare al mondo ideale? Innanzitutto la guerra tra il bene e il male, rappresentata con le storie di Mahabharta e Ramayana al fine, spiegano "di contribuire alla lotta contro i desideri personali e la lussuria". Ed ecco che il Santuario della Verità diventa tutto uno snodarsi di storie buddiste e di tradizioni indù. Sul frontone, la saggezza che sconfigge l'ignoranza; nelle sculture del lato frontale, l'amore dei genitori verso i figli "che è più grande di un oceano". E poi ancora: statue che raccontano episodi della Krishnavatar, l'ottava reincarnazione di Vishnu e la Bhagavatgita, una delle più celebri testi di induismo. Altre sculture ancora rappresentano il sole (l'onore e lo status sociale), Marte (il coraggio e l'industria), Mercurio (la dolcezza), Giove (la saggezza), Venere (la ricchezza), Saturno (l'infelicità e la sofferenza). E poi i quattro elementi. Tutto per meditare sulle grandi questioni del cielo e della terra e sui diversi percorsi filosofici e religiosi che portano ad esse.
The sanctuary of Truth è aperto tutti i giorni dalle 8 del mattino alle 17. Il biglietto costa 500 baht e comprende, oltre alla visita guidata, anche spettacoli di delfini nella baia (due volte al giorno) e dimostrazioni sulla lavorazione del legno