SIAMHOUSE HOTEL PATTAYA

HAVE AVAILABLE ROOMS FOR NOVEMBER ------ WEB PAGE FACEBOOK

domenica 28 giugno 2020

Devils Den soi LK Metro Pattaya by Dr.Grunf


PATTAYA by Dr.Grunf

ll DD è un curioso tipo di mignottodromo, forse non ha tanto senso un capitolo a se, però direi che è sulla piazza da tanto tempo e la sua peculiarità a Pattaya è così abnorme, da meritarselo: il suo modello di business non passa attraverso la rivendita di bevande!
Secondariamente, è stato un trotificio di sicura affidabilità. Oggi purtroppo mi pare assai meno.
E’ gestito da faranghi moooolto intraprendenti e funziona così: c’è una squadretta di monachelle da combattimento, con tanto di schedina e tariffario:si può scegliere via web o in loco, così come si può procedere as out- o incall.
L’avvenenza del parco picie è certamente peggiorata nel tempo (basta un’occhiata con archive.org per rendersene conto) ma i prezzi sono cresciuti assai meno che nel resto del luna-park, ed almeno (e questo è il punto di forza) c’è una garanzia di sicura, profonda, fantastica turpitudine. Segnalo che questa è stata la mia esperienza fino all’anno 2015, poi a Pattaya
può cambiare tutto velocemente.Si trova in LK-Metro, dove potete scegliere (nella finestra h14-24) direttamente tra le donnine disponibili oppure vi potete preventivamente fare un’idea del
livello e dei costi via web.
Tra le peculiarità del posto (al limite della stramberia) c’è che se si sceglie l’opzione in-call occorre acchiappare come minimo due ladies: 4kTHB per 90 minuti, durante i quali la vostra povera attrezzatura non avrà tregua.Per la mia esperienza, in quei 90 minuti non ce n’è mezzo nel quale si riesca a tirare il fiato e finché non vi avranno visto spruzzacchiare un paio di volte,
queste assatanate professioniste non molleranno l’osso.
Circa per la stessa cifra potete tenere una diavolessa per tutta la notte.A dire il vero la policy del locale prevede che la lady possa rescindere il contratto alle 6 del mattino (altra curiosa stravaganza) ma, nella mia esperienza, questo non è mai successo e le ho viste ronfare tranquille fino ad orari ben più urbani.
Un’altra bizzarria del locale è il VIP Bus: per una decina di kTHB possono recuperarvi in aeroporto, direttamente al controllo passaporti con il carrioletto elettrico, e poi fino a Pattaya con un Van da mafiosi russi, contenente un salottino impreziosito da divani in pelle nera, compreso di
sgnappere da intrattenimento.Devo dire di non avere mai utilizzato questa roba, pensando allo stato comatoso nel quale mi trovo in genere dopo una notte in aereo, ma evidentemente a qualcuno piace.
Ricordo peraltro di essere stato accontentato in ogni viluppo della perversione più bizzarra, semplicemente pronunciando un sommesso “yes” a specifiche tecniche del tipo: OK for black nylon stockings? would you play in your bathub with two ladies? OK for miss Cookie dressed as air assistant?
Infine, un quadretto che corrisponde alla definizione di impagabile: può accadere solo in questa barnumaglia asiatica, nella quale risiede almeno un centimetri cubo del cuore di tutti noi, che ci si trovi a sfrecciare in motorino per la città in tarda serata, trasportando due lasagnone imputtanite, truccate e taccate: una in minigonna e giacchetta da hostess e l’altra con calze a rete&giarrettiera che indossa uno zainetto di Minnie, pieno di schiume, saponi, gel ed un’intera scatola di gommini Come già scritto non mi ripeto sulle tecnicalità, che si trovano già ampiamentebdescritte … anche al Devil's Den ho trovato altissima professionalità: individui le tue prescelte sul web o sul cataloghetto o ti lasci guidare dall’attivissimo boss e via senza timore di bidoni.
Io ho sperimentato Cory e Rain assieme in sede per un paio d’ore e, successivamente, Cookie in outcall.
Credo sia utile scegliere in loco, poiché le ragazze potrebbero non essere tutte presenti ed inoltre dalle foto non si capisce mai se trattasi di topina, vatussa, freak con i dentoni o peppa-pig mascherata da figa.
Ad esempio ho intravisto, solo all’ultimo momento una tappetta dai capelli neri:
mooolto carina: se non avessi già prescelto, sarebbe stata lei il mio obiettivo. Come prima impressione sono rimasto un po’ deluso dai locali del DD, io li pensavo più simili ad un albergo ... invece sono piuttosto angusti e mesti. Nella boomboomroom c’è un TV che trasmette zozzerie internazionali a getto continuo, c’è una parete attrezzata con frustini e altri ninnoli che non so neppure come si chiamino e pure un’altalena (... come si usa?) ma ho constatato con dispiacere l’assenza di una bella vasca jacuzzi-family.
Anche il locale della doccia è un po’ tristo, sembra lo spogliatoio di una polisportiva. Infine la ristrettezza dell’ambiente: praticamente un cubo con lo spazio giusto per un lettone double size.
D’altro canto ci sono dei pros (oltre alle girls naturalmente): tutte le pareti portano uno specchio e pure il soffitto è fully mirrored
L’azione parte con i mutui lavaggi (sempre in tre) nel loculo-doccia (dove mi dicono che in parecchi recitiamo l’infame gag di appendere l’asciugamano all’amichetto sull’attenti ...) .
Della bionda Cory mi è piaciuta l’espressione ingenua ed il sorriso gentile. Ha inoltre molto lavorato nel retrobottega dei miei pensieri la sua somiglianza con un’antica GF … Per lo standard DD direi che Cory non è una tigre del materasso, tuttavia con un BBJ molto appassionato (e l’aiuto del fantastico soffitto a specchio) mi ha portato alla prima coffata in una manciata di minuti. Rain è stata completamente differente: un nome di battaglia più appropriato alla sua attitudine sarebbe stato Storm. Meno bella della collega ma la più alta della scuderia, un po’ rozza nei modi ma moooolto dinamica.
Infatti, dopo il primo pitstop ed un breve passaggio nel loculo doccia, tornati sul lettone con un’ora e mezza davanti a noi, volevo passare qualche minutino di pura estasi ma sono stato praticamente abbattuto da Rain. Proprio tipo incontro di catch ... al grido di “bum bum now!” su di me s’è abbattuta una tempesta di FK e leccamenti da nord a sud, con entrambe queste geishe scatenate.
Mentre andavo soavemente perdendo ogni idea di me stesso, perso tra sogno e chissadove, ricordo che ad un certo punto ho iniziato a sentire una curiosa sensazione di caldo, proveniente dalle latitudini sud ... si trattava di Cory che, con un asciugamano riscaldato, mi asciugava, a partire dai piedi fino alla zona cesarini, dove s’è fermata per un gradito pompstop.
E’ comparsa poi UNA SCATOLA di condom (che useremo in larga parte) ed è partito un repertorio di tecnologie scoperecce barra leccherecce, con entrambe le artiste, che avrebbe potuto riempire una sexopedia ... io che martello Cory mentre lei limona con Rain (cambio di goldone) Rain che mi implora di essere impalata mentre lecca la passera di Cory (cambio goldone) BBJ&fingering a 3 mani e due bocche .. .
Insomma me ne sono rivenuto, anche se non saprei più dire come, e abbastanza spompato ho guardato l’orologio scoprendo che avevamo davanti a noi ancora un’ora!
Mi sarei fermato volentieri a raccontare barzellette su noi farang o semplicemente in estasi coccolistica ed invece Rain ha annunciato che non mi avrebbe lasciato andare se non mi avesse visto spruzzare una terza volta.
E' partita così un’esperienza per me unica: vorrei solamente che si provasse ad immaginare cos’è un BBJ (ottimamente condotto) di un’ora, altro che le cialtronate denominate come ‘preliminari interminabili’ delle annunciatrici di casa nostra ... io seduto sul letto e Rain accovacciata davanti che ciuccia e si sditalina, Cory dietro di me che mi bacia e mi accarezza (mentre Rain idrovoreggia rumorosamente). Io sdraiato con le due scatenate che mi pompano alternandosi, io sdraiato e loro che leccano assieme, io accovacciato sul lettone con Rain che pompa a macchinetta mentre Cory massaggia lo spallamento ... le olimpiadi eroticombinatorie.
Il fatto di spruzzare tre volte nel giro di un paio d’ore, per me che da un pezzo non sono più un fantolino, m’ha fatto sentire SuperVip.
Il giorno successivo ho convocato Cookie direttamente a casa per una aperitivo pomeridiano: a farla breve, ho trombato in ogni posizione conosciuta e sconosciuta, picconando senza posa per un paio d’ore con uno splendido angelo, sempre incredibilmente pieno d’iniziativa. Nell’aria giravano slogan del tipo eat me, kissme please, fuck me hard now, tutto condito da un tappeto sonoro di risucchi salivosi molto mooolto funzionale.
Sono rimasto profondamente impressionato dalla resistenza ed iniziativa di tutte le stregonesse che ho incontrato, soprattutto della fantastica maratona aspiratoria di Rain che è stata probabilmente la migliore, nella mia personale categoria hard sexperience.
All’uscita dal DD, dopo 2 ore (e una dozzina di condom) , mi sono incamminato verso l’orizzonte con i pensieri leggermente appannati ma con un solido progetto: candidare questi angeli come mie eredi universali ...

Nessun commento:

Posta un commento